La scelta dell’equipaggiamento adatto è cruciale per ogni tipo di sport outdoor, ma non sempre risulta intuitiva e finisce per confondere soprattutto i principianti. Questo è vero in particolare per gli snowboard: ogni tavola da snow presenta un mix di caratteristiche che la rendono adatta a specifiche condizioni di neve e stili di discesa, la scelta non dovrebbe quindi essere effettuata alla leggera.

Vediamo quindi di seguito i criteri principali da tenere in considerazione per capire come scegliere una tavola da snow.

Il profilo

Per profilo si intende la forma della tavola in relazione al terreno, il suo profilo laterale. Schematizzando possiamo suddividere i profili in quattro categorie, ciascuna con pro e contro.

Camber

Una tavola da snow con profilo camber mantiene il contatto con la neve solo nella parte più larga della punta e della coda. La forma è dunque leggermente arcuata nel mezzo, un po’ come un ponte. Le tavole con questa conformazione hanno ottima stabilità e sono estremamente reattive: se schiacciate a terra reagiscono come molle, caratteristica questa che le rende molto adatte per i salti. Contro: la forma ad arco non è ottimale per affrontare la neve fresca e richiede una maggiore accortezza nell’eseguire cambi di direzione. Questa tavola è indicata a snowboarder esperti che puntano molto sulla velocità.

Rocker

Questo profilo prevede il punto di contatto nel mezzo dello snowboard, mantenendo punta e coda sollevate dal terreno. È molto manovrabile, consente un margine d’errore più ampio rispetto al camber ed è perfetto per affrontare percorsi in neve fresca. Contro: una tavola da snow con profilo rocker può essere poco stabile ad alte velocità e si deforma meno facilmente. Il rocker è particolarmente adatto ai principianti.

Ibrido

Per avere il meglio dei due mondi, i produttori hanno pensato di unire camber e rocker in un profilo ibrido. La tavola fa contatto con la neve nella sezione centrale e alle estremità, subito prima della punta e della coda. L’aderenza nella sezione centrale garantisce una manovrabilità eccellente, se si procede a bassa velocità, mentre il pattern ondulato conferisce una buona reattività. Le tavole ibride non sono però tutte uguali: il profilo può variare a seconda della casa produttrice.

Powder

Progettato specificamente per andare in neve fresca, questo profilo rimane a contatto col terreno per gran parte della sua lunghezza, mantenendo però sollevata una buona porzione della punta e l’ultimo pezzo della coda. Tale conformazione consente ottima manovrabilità in neve fresca e fa di questo profilo il migliore per affrontare percorsi in fuoripista.

Tavola da snow

La flessibilità

Come si può intuire, la flessibilità è la caratteristica che permette alla tavola da snow di deformarsi quando posta sotto stress. Esistono vari gradi di flessibilità e i brand hanno provato a quantificarla, stilando una scala che va da 1 a 10, dove 1 equivale a “morbida” e 10 a “rigida”. Purtroppo però non esiste uno standard, quindi le metriche usate variano a seconda della casa produttrice.

In linea di massima una tavola morbida è facile da controllare, reattiva e adatta al freestyle; è inoltre la scelta idonea per chi è di costituzione leggera. Una tavola rigida è invece l’ideale per affrontare percorsi in velocità: anche se meno reattiva in fase di curva, risulta decisamente più stabile; questo tipo di tavola da snow è adatta a persone corpulente.

La forma

Per “forma” si intende l’aspetto che una tavola ha quando osservata dall’alto. Possiamo dividere gli snowboard in due categorie principali.

Twin (o bidirezionale)

La tavola è perfettamente simmetrica, punta e coda hanno la medesima lunghezza e presenta lo stesso coefficiente di flessibilità in tutta la struttura. Uno snowboard con questa forma essere condotto sia di coda che di punta ed è la scelta ottimale di chi pratica freestyle e ama passare giornate intere presso gli snowpark.

Direzionale

Ideata con un preciso senso di marcia in mente, questo tipo di tavola da snow presenta una punta più larga rispetto alla coda. Gli snowboard direzionali sono progettati per il freeride, poiché le loro caratteristiche ben si prestano alle discese in neve fresca.

Queste categorie sono da vedere come estremi di un continuum, dato che molte tavole hanno caratteristiche ibride.

Snowboard - tavola da snow

La dimensione

La lunghezza della tavola da snow varia ovviamente in base alla struttura fisica del rider, il punto di partenza per scegliere quella più adatta è verificare che arrivi sino al proprio naso. Questa è però solo un’indicazione di massima: la dimensione è un fattore che influisce molto sullo stile di discesa e sul tipo di attività che si vuole praticare.

Una tavola corta è leggera e più manovrabile rispetto ad una pesante, aspetti che ne favoriscono l’utilizzo per il freestyle. Di contro una tavola lunga è decisamente più veloce e offre una maggiore superfice per galleggiare in neve fresca; è più lenta nei cambi di direzione, ma è complessivamente più stabile. Volendo generalizzare possiamo dire che chi pratica freestyle predilige tavole corte, mentre i freerider ragionano all’opposto.

Un altro aspetto da considerare, sempre riguardo le dimensioni, è la larghezza della tavola. Per questo aspetto bisogna badare alla taglia degli scarponi: questi dovranno sporgere solo leggermente, evitando così di entrare in contatto con la neve.

Ad ogni stile la sua tavola da snow

Come avrete notato non esiste la tavola da snow perfetta, esiste solo quella più adatta alle proprie esigenze, per questo motivo è utile tenere presente l’utilizzo che ne si vuole fare e capire come conviene orientarsi. Se siete alle prime armi, il nostro consiglio è di optare per le tavole pubblicizzate come All-Mountain, poiché hanno profili che le rendono adatte sia alle piste che alla neve fresca e sono sufficientemente morbide da consentire un buon utilizzo anche nei park.

Ora che avete tutte le informazioni necessarie, non vi resta che fare la vostra scelta. Il modo migliore per provare le varie tipologie di snowboard e capire quale si adatta meglio al vostro stile è sicuramente il noleggio. A tal proposito Sharewood offre un vantaggio in più perché potete confrontare con calma i vari modelli e trovare quello perfetto per le vostre esigenze, per poi prenotarlo in modo semplice e veloce. Buon divertimento!