Il giorno tanto atteso e carico di magia è arrivato: Santa Lucia! 

Sono nata e cresciuta nella provincia di Bergamo e questa tradizione è sempre stata molto sentita tra noi bambini. Mi ricorda senza dubbio i momenti più felici della mia infanzia. Quando mi sono trasferita a Milano e raccontavo questi aneddoti ai miei compagni di università incuriositi mi chiedevano: ma chi è Santa Lucia? Veramente la festeggiate? 

Ebbene sì, per noi bergamaschi e per altre province del Nord Italia si tratta di una festività prenatalizia celebrata da tutte le famiglie. Non è una festa riconosciuta unitamente in tutto il territorio nazionale ma è delimitata in alcune aree in base ad alcuni avvenimenti storici che hanno posto le basi per questa usanza. 

Scopriamo la storia insieme!

Chi è Santa Lucia?

La festività di Santa Lucia si lega secondo la tradizione cristiana alla Santa martire della persecuzione ai cristiani da parte di Diocleziano, vissuta a Siracusa tra il 283 e il 304 d.C. Durante le torture inflitte Santa Lucia perse gli occhi, di conseguenza nell’iconografia cristiana è sempre rappresentata cieca con un piattino con i suoi occhi. Oltre alla storia di origine cristiana un’altra leggenda narra che un uomo, innamorato di lei, le abbia chiesto gli occhi in dono.

Santa Lucia è anche portatrice di luce: la luce è ripresa dalla corona di candele che indossava per illuminare la via per portare viveri ai cristiani nascosti. C’è chi sostiene che derivi solamente dal nome, ovvero la luce durante la notte più lunga dell’anno. Il 13 dicembre infatti, secondo il calendario prima della riforma gregoriana, era il solstizio d’inverno, il giorno più corto dell’anno ed è il giorno in cui si pensa fosse stata uccisa Lucia.

Molte leggende e storie avvolgono questa figura, ma ora vediamo come si festeggia

Una festa tramandata da generazioni

Siracusa

Come abbiamo detto, Santa Lucia nasce a Siracusa. La patrona della città si festeggia con importanti e sontuose funzioni religiose e processioni dalla Cattedrale alla Basilica di Santa Lucia al Sepolcro dal 13 al 20 dicembre. A Siracusa si mangia “la cuccia”, originariamente con grano bollito e legumi, oggi è diventata una pietanza dolce con vino cotto, ricotta, miele, pistacchio. Ognuno la può preparare a proprio gusto. Si inforna inoltre il pane votivo, piccoli panini a forma di occhi, simbolo della Santa. 

Bergamo

Nel Nord Italia Santa Lucia è un avvenimento molto celebrato in numerose province. A Bergamo la tradizione ha origini antichissime: la Santa viene festeggiata dal 1337 quando iniziò a costruzione della Chiesa di S. Lucia Vecchia.

Qualche settimana prima del 13 dicembre i bambini scrivono una letterina alla Santa con i loro desideri e riflessioni e la lasciano sul davanzale della finestra della loro cameretta. La sera del 12 dicembre preparano del fieno e del latte per l’asinello e dei biscotti per Santa Lucia, così da offrire rinfresco dopo il lungo viaggio.

 

Corrono a letto, frementi d’impazienza di svegliarsi il giorno dopo per scoprire il miracolo di Santa Lucia. Una scia di caramelle e dolci percorre il tragitto dalla camera fino alla sala: i bambini la seguono increduli e pazzi di gioia. Il latte e il fieno sono stati miracolosamente graditi, qualche goccia è ancora sul pavimento, probabilmente lasciata dal goffo asinello.

Tanti regali accolgono i bambini tanto che alle elementari la giornata intera era dedicata al gioco in compagnia e i bambini si sussurravano all’orecchio: “guarda quest’anno cosa mi ha portato!”.

Nord Europa

Curiosità: Santa Lucia è molto festeggiata anche nel Nord dell’Europa. In Scandinavia, soprattutto in Svezia, il 13 dicembre tutte le bambine indossano una veste bianca, una cintura rossa e una corona di candele in testa. Insieme agli altri bambini più piccoli, con cappelli di paglia o a punta con le stelle, cantano le canzoni natalizie del Luciatåg e distribuiscono i biscotti che hanno preparato per l’occasione, i dolci Lussekatter allo zafferano e i dolci Pepparkakor allo zenzero. 


Calendario dell’Avvento

Quest’anno aspetta il Natale con Sharewood: tutti i giorni sconti, consigli, guide, ricette e contenuti per non smettere mai di viaggiare!

Se non sei ancora iscritto al nostro canale Telegram puoi farlo ora:

Iscriviti


Vuoi conoscere le destinazioni invernali con Sharewood?

Per qualsiasi informazione contatta un nostro Travel Expert:

Whatsapp – Email – Chiama